Laboratorio di restauro

Responsabile:
Valeria Stanziano
Telefono:
+39 081 7819 328

Il laboratorio di restauro della Biblioteca Nazionale di Napoli fu istituito nel marzo 1977, in applicazione della circolare del 18 novembre 1975, a firma del ministro Spadolini, che istituiva presso alcune Biblioteche - la Braidense di Milano, la Laurenziana di Firenze, la Nazionale Centrale di Roma, la Nazionale di Napoli, la Nazionale di Bari, l'Universitaria di Cagliari - "laboratori di restauro e legatoria, quali sezioni staccate dell'Istituto di Patologia del Libro di Roma".

Quest'ultimo avrebbe assunto infatti funzioni di "indirizzo, coordinamento e vigilanza", mentre al Ministero sarebbe stato riservato il compito dell'approvazione dei programmi annuali di restauro.
Il laboratorio è situato in quattro ampi locali al piano terra di Palazzo Reale ed è intitolato ad Alberto Guarino, il direttore della Biblioteca Nazionale di Napoli che con tanta determinazione si era adoperato per la sua costituzione.

 Il laboratorio

  • svolge attività di restauro dei volumi e dei documenti, in specie di pregio, appartenenti alla BNN;
  • fornisce consulenza per i programmi di restauro delle biblioteche non afferenti al Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MIBAC), per le quali cura anche la progettazione e/o il controllo dei procedimenti tecnici quando i progetti di restauro sono finanziati dal MIBAC;
  • fornisce consulenza ai privati che possiedono materiali di particolare pregio;
  • svolge attività didattica a vari livelli (visite guidate, tirocini, stage, ecc.).