Religioni con occhi di donne

Scritti di donne inerenti il singolare rapporto con Dio e le religioni. Parlare di sé e del mondo senza escludere “Dio”, parola e pensiero.
Scrivere di ciò che accade, di quel che succede nel mondo, attraverso un racconto dove c'è anche il parlar di Dio. Un partir da sé, inoltre, segnato dall'esperienza della fede, dalla conversione dei cuori, custodendo un'antica sapienza: la pratica del lavoro interiore.
Temi cari, quali la mistica, la pietà, la ricerca storica, le pratiche religiose, trattati tra storia e memoria, anche in relazione con i movimenti femministi e la vita di alcune donne.

coper0001

Caterina e Teresa. Passione e sapienza nella mistica delle donne

Antonietta Potente, Giselle Gómez

Qui intravediamo le nostre contemporanee e anche le nostre antenate o meglio i nostri archetipi: due donne, Caterina da Siena e Teresa d'Avila. Esse fanno parte da molti secoli dell'immaginario collettivo religioso di tante donne che vivono sole o in comunità.

copcomboniane0001

Combonifem magazine. Mondo donna missione (a. 78, n.8-9, agosto-settembre 2012)

«Giusta sarà la sorpresa di chi ascolterà la prima domanda, appena morto: “Quant'acqua hai versato?” Ognuno di noi sarà pesato a gocce». Sono le ultime righe di una poesia di Erri De Luca sull'acqua. ... L'oro blu, questo liquido di cui nessuno di noi può fare a meno, rischia di diventare pretesto di prossime guerre, anzi alcune sono già in corso.

copildegarda0001

Come per lucido specchio. Libro dei meriti di vita

Ildegarda di Bingen; a cura di Luisa Ghirindelli

Dal conflitto tra vizi e virtù (i cosiddetti "meriti di vita") scaturisce l'osservazione della meravigliosa armonia tra progetto divino e libera volontà umana. Ildegarda, - che da di sé la definizione di "creatura semplice" - riferisce la propria personale esperienza mistica che si traduce in una grandiosa visione cosmica al centro della quale sta, appunto, "l'Uomo".

copbeghina

Con Occhi di beghina. Sguardi sull'oggi

Romana Guarnieri

In questi scritti, che trattano i temi a lei più cari, quali la mistica, la pietà, la ricerca storica, l'opera di don Giuseppe De Luca, i lettori potranno ritrovare lo stile così particolare di Romana Guarnieri e quella profondità e acutezza di analisi che hanno fatto di lei una vera e propria icona del panorama religioso italiano.

copasia0001

Il Dio dell'Asia. Religione e politica in Oriente. Un reportage

Ilaria Maria Sala

Un percorso nella storia, nei luoghi, tra la gente per descrivere microcosmi religiosi: riti, cerimoniali, paradossi che talora confliggono con i governi locali, altre volte inaspriscono i rapporti con i paesi confinanti.

copdio

Dire Dio

a cura di Emma Fattorini

Il panorama mediatico dipinge rozzamente solo una realtà di scontro tra laicismo militante da una parte e utilizzo della religione ai fini di rigalvanizzazione delle stanche società liberali dall'altra. Ma è proprio vero che tra integralismo e laicismo non ci sia altro spazio? Davvero siamo tutti rappresentati in questi due schieramenti?

copchiesa0001

Donne e Chiesa tra mistica e istituzioni (secoli XIII-XV)

Romana Guarnieri

Beghine, bizzoche o pinzochere, cochenunne, papelarde, santarelle, monacelle, monache di casa furon chiamate sin dal loro nascere e poi crescere: in numero, in presa di coscienza, in autorevolezza, in autentico amor di Dio e in cristianissime, apprezzatissime opere di misericordia tra la povera gente.

copmistici0001

Esistenzialisti e mistici

Iris Murdoch

Iris Murdoch ha costantemente concepito la filosofia come impegno a migliorare il proprio sé e il mondo, e l'«arte buona» - per lei in particolar modo la letteratura - come la guida fondamentale in un cammino verso il bene e la conoscenza della verità, un cammino di chiarificazione, di giustizia, di compassione.

copfemminino

L'eterno femminino. Donne mistiche

Janine Hourcade

L'Eterno Femminino è un'espressione che fa sorridere o che suscita irritazione. Le femministe lo considerano un mito lontano dal reale che congeda la lotta delle donne. Ma, contrariamente a questa opinione che impoverisce, un mito comporta sempre una parte di reale.

copbuddista

Felice per quello che sei. Confessioni di una buddista emotiva

Rossana Campo

Un punto di partenza potrebbe essere questo, provare a raccontare cos'è il Buddismo a chi non ne sa niente partendo dalla mia storia e da quella di tanti amici che hanno trasformato le loro sofferenze e inadeguatezze grazie all'incontro con la pratica e il pensiero buddista.

copmistiche

Grandi mistiche medievali. Matilde di Magdeburgo, Ildegarda di Bingen, Giuliana di Norwich

Frances Beer

Tre donne, tre mistiche, tre personalità profondamente diverse - Matilde di Magdeburgo, Ildegarda di Bingen, Giuliana di Norwich. Nel panorama della letteratura femminile medievale tali singolari figure vanno ad inserirsi nel contesto delle grandi correnti della spiritualità religiosa, che animarono tale periodo.

copmuse

La luce oltre la porta. Dei e muse nel teatro dell'anima

Carla Stroppa

Esiste un 'logos' di Psiche? Sì, risponde l'autrice di questo libro: è appunto ciò di cui si deve occupare la psicologia. È un 'logos' che prende forma attraverso la mediazione di un "pensiero d'anima" intriso di passione e di immaginazione. Ama l'espressione allusiva e metaforica, si dispiega nelle elaborazioni simboliche, oniriche, poetiche.

copmaria

Maria donna comunitaria

Concetta F. Sinopoli

L'autrice, con perizia comunicativa e spirituale, ci aiuta a entrare nel mistero di Maria, con tre momenti diversi che caratterizzano ciascun capitolo: attinge alla Sacra Scrittura,. offre una riflessione personale, termina con la preghiera.

copebree0001

Oltre la persecuzione. Donne, ebraismo, memoria

a cura di Roberta Ascarelli

La raccolta, incentrata sul variegato repertorio dell'autobiografia, presenta ricerche su storie di vita, riflessioni, poesie, testimonianze, narrazioni, lettere esposte secondo il prisma di una doppia differenza, di donne e di ebree.

copprotestan

La parola e le pratiche. Donne protestanti e femminismi

Che cosa succede quando il protestantesimo incontra il pensiero della differenza? Come si mettono in relazione la salvezza che viene dall'Altro con l'esperienza interiore di ognuna?

copvuoto

Il posto vuoto di Dio

a cura di Luisa Muraro e Adriana Sbrogiò

Il senso del libro e semplice da dire. Le donne e gli uomini che ci hanno lavorato e lo firmano, si sono ritrovati più volte, liberamente, per parlare di sé e del mondo nel loro linguaggio abituale ma senza escludere "Dio", come parola e come pensiero.

coprelazione

La relazione originaria. Dal Male al Bene

Paola Ruminelli

Dalla relazione come principio rinvenibile alle radici della vita, il saggio risale alla relazione originaria con la Trascendenza, fonte della realtà del mondo e costitutiva dell'uomo stesso.

cop

Rollerblades. Sessualità, femminismo, religiosità per una figlia adolescente

Gabriella Zevi

Quando ti vedo governare il cavallo, volare per le strade sui rollerblades e progettare il tuo futuro in un altro paese, so che cercheranno di catturare la tua sessualità con una canzone che dice «cosa sarai senza di me, cosa sarò senza di te», e cercheranno di occupare tutto il tuo orizzonte.

cop0001

La saggia inquietudine. Il corpo nell'ebraismo, nel cristianesimo e nell'islām

Stefanie Knauss

Il volume illustra i tanti luoghi e modi del coinvolgimento del corpo nella dinamica della relazione con Dio nella teologia, nella prassi religiosa e nella vita sociale delle tre religioni monoteistiche.

copbaghdad

Sognando Jane Austen a Baghdad

Bee Rowlatt, May Witwit

May e Bee non potrebbero essere più diverse. Cultura, religione, chilometri, tutto le separa. Eppure, quando una mail le mette in contatto, diventano amiche. Si raccontano le loro giornate, e i resoconti di May diventano una sorta di diario travagliato dell'Iraq di oggi

copdisordine

Sopportare il disordine. Una teologia fatta in casa

Rosetta Stella

L'autrice affronta con una buona dose di temerarietà le "questioni ultime" e la teologia, di cui parla senza essere teologa. Ma lo fa lo stesso, perché ha qualcosa di nuovo da dire. E lo dice in mezzo al magma post laicista e post secolarista.

coperter0001

Teresina. Storia di un'anima

Laura Bosio

Che cosa poteva fare una bambina con il sentimento della grandezza in una cittadina bigotta della Normandia dell'Ottocento? «Sarò una grande santa» disse Thérèse Martin. Santa lo diventò nel 1925, dopo una breve esistenza trascorsa quasi interamente nel carmelo di Lisieux e due quaderni di note autobiografiche, poi diventati famosissimi.