Adolescenti e adozione. Una Odissea verso l’identità

Adolescenti e adozione
Autore:
Marina Farri Monaco, Maria Teresa Niro
Editore:
Centro scientifico editore, Torino
Tipo:
Saggio
Anno:
1999
Data inserimento:
02/12/2005
Gruppo:
I linguaggi del corpo

L’adolescenza e l’adozione rappresentano due condizioni critiche dell’esistenza faticosamente integrabili per il giovane adottato che si trova spesso a vivere in modo più intenso alcuni nodi conflittuali di questa fase della crescita.
Il significato dell’abbandono, i tanti perché senza risposta, l’oscurità delle origini, le immagini reali o fantastiche dei genitori naturali e la relazione con la famiglia adottiva sono temi che impegnano gli adolescenti adottati nella costruzione dell’identità personale. Benché gli studi e i contributi di ricerca sull’adolescenza e sull’adozione siano rispettivamente approfonditi, il periodo adolescenziale degli adottati è stato relativamente esplorato forse anche a causa delle difficoltà presenti nel reperire un campione di indagine disponibile e significativo.
La testimonianza diretta di venti adolescenti adottati {dieci nazionali e dieci internazionali) dì età compresa tra i 15 e i 22 anni, ha permesso di verificare quanto l’esperienza di deprivazione e di perdita della relazione primaria possa interferire nel percorso di costruzione dell’identità, esposta agli echi di antiche sofferenze che si intrecciano con le spinte emancipative proprie dell’età e con i relativi sentimenti di ambivalenza verso i genitori.

 

Il bagno della bimba

Mary Cassat, Il bagno della bimba, 1891-1892, Chicago, The Art Institute
foto da: Simona Bartolena, Arte al femminile. Donne artiste dal Rinascimento al XXI secolo, Milano, Electa, 2003, p. 85 

 

Marina Farri Monaco, psicologa e psicoterapeuta in una ASL piemontese, svolge ormai da anni attività di consulenza per il Tribunale dei Minorenni nel campo delle adozioni e degli affidamenti. È coautrice di Il figlio del desiderio: quale genitore per l’adozione (1994), L’affidamento si impara a scuola (1997) e diverse altre pubblicazioni sulla problematica adottiva.  

 

Il bagno

Mary Cassat, Il bagno, 1891, acquaforte, Washington, The National Museum of Women in the Arts
foto da: Simona Bartolena, Arte al femminile. Donne artiste dal Rinascimento al XXI secolo, Milano, Electa, 2003, p. 107 

 

Maria Teresa Niro, psicologa consulente in una ASL piemontese e psicoterapeuta in formazione, da tempo coltiva l’interesse per il tema dell’adozione con particolare attenzione alla dinamica relazionale genitori-figlio adottivo.
(dalla quarta di copertina) 

 

La madre e la figlia allo specchio

Mary Cassat, La madre e la figlia allo specchio, 1905, Washington, National Gallery of Art
foto da: Georges Duby, Micelle Pierrot, Immagini delle donne, Roma, Laterza, 1992, p. 148 

 

Dall’indice
  • Presentazione di Gian Giacomo Rovera;
  • Cap. 1 – L’adolescenza.
    • 1.1 – Le principali teorie sull’adolescenza di Stanley Hall;
    • 1.2 – Sviluppo corporeo e maturazione sessuale;
    • 1.3 – Aspetti intellettivi;
    • 1.4 – Distacco dai genitori;
    • 1.5 – Le relazioni interpersonali: L’amicizia e l’amore;
    • 1.6 – L’identità;
  • Cap. 2 – Il percorso adottivo.
    • 2.1 – La famiglia d’origine;
    • 2.2 – L’abbandono;
    • 2.3 – Le conseguenze dell’abbandono;
    • 2.4 – L’affido familiare;
    • 2.5 – L’incontro con la famiglia adottiva;
    • 2.6 – La costruzione della relazione affettiva;
    • 2.7 – L’informazione sulla condizione adottiva;
    • 2.8 – La crisi adolescenziale;
  • Cap. 3 – Ricerca sul campo;
  • Cap. 4 – Risultati;
  • Conclusioni;
  • Appendice: Aspetti giuridici e analisi quantitativa del fenomeno adozione.

Collegamenti