La raccolta Piccirilli

Diverso appare il collezionismo del marchese Luigi Piccirilli, a cui si deve una raccolta di oltre 60.000 ritratti attualmente conservati presso la Sezione Napoletana. Il materiale spazia dalle incisioni seicentesche, sciolte o ricavate da libri, alle fotografie, con una netta prevalenza del materiale fotografico su quello a stampa. Si tratta della pił ricca documentazione di questo tipo posseduta dalla Biblioteca, a cui si affiancano le raccolte fotografiche, di minore consistenza, della Sezione Lucchesi Palli e del Fondo Aosta, anch'esse relative alla seconda metą dell'800 e ai primi decenni del '900. Se in alcuni casi la tipologia dei soggetti riprodotti nel Fondo Piccirilli ed in quello della Sezione Lucchesi Palli si rivela abbastanza omogenea - ricorrenti sono, infatti, i ritratti di scrittori, artisti, compositori, cantanti ed attori - la fisionomia complessiva dei due nuclei appare quanto mai varia.