Banche dati, Open Archives, Libri elettronici

Banche dati

Le banche dati possono essere consultate, previa registrazione al servizio, presso la sezione Reference risorse digitali e nelle sezioni con terminali abilitati.

Le banche dati online sono risorse in abbonamento sottoscritte dalla biblioteca e consultabili solo in sede.
Le banche dati offline sono risorse in cd-rom o dvd-rom visibili solo in sede.
Le banche dati a libero accesso sono risorse selezionate nel web e consultabili anche da remoto.
Gli Open Archives sono risorse disponibili negli archivi delle università italiane a libero accesso e consultabili anche da remoto.

L'utilizzo dei dati deve tener conto della normativa in materia di diritto d'autore (L. 633/1941 e successive modifiche).

(ultima verifica: marzo 2017)

Risorse

Le storie e la memoria. In onore di Arnold Esch

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Europa - Storia; Storiografia - Saggi; Dati editoriali: Firenze, UniversityPress, 2002

Descrizione

Roberto Delle Donne; Andrea Zorzi, Le storie e la memoria. In onore di Arnold Esch, Monografia

Il volume raccoglie i contributi di alcuni borsisti italiani che, nel corso dell’ultimo decennio, hanno potuto avvalersi dell’ospitalità e delle strutture del Deutsches Historisches Institut, durante la direzione del prof. Arnold Esch.I saggi raccolti sembrano rispecchiare nell’ampiezza dei temi trattati, la vastità di orizzonti che contraddistingue l’opera di Arnold Esch e la sua prontezza ad accogliere presso il Deutsches Historisches Institut, giovani specialisti delle più diverse discipline storiche. Ogni borsista ha avuto infatti l’opportunità di confrontare con il prof. Esch le proprie ricerche, ricevendone stimoli e consigli per il loro sviluppo. In questo modo gli autori hanno voluto rendere omaggio all'illustre studioso. 

Le tombe intramurali: una tadizione funeraria della fase finale del III millenio a.C. lungo la vallata dell’eufrate siro-anatolico

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Archeologia; Antichità; Medio Oriente; Sepoltura; Dati editoriali: Napoli, Istituto Universitario Orientale

Descrizione

Laneri, Nicola, Le tombe intramurali: una tadizione funeraria della fase finale del III millenio a.C. lungo la vallata dell’eufrate siro-anatolico, InAnnali dell’Università degli Studi di Napoli L’Orientale”, Rivista del Dipartimento di Studi Asiatici e del Dipartimento di Studi e Ricerche su Africa e Paesi Arabi, n. 57, fasc. 3-4, pp. 405-425.

Nel corso del III millennio a.C. quasi tutte le aree del Vicino e Medio Oriente (dal Mar Egeo alla Valle dell'Indo), dopo il crollo dell'egemonia Mesopotamica durante il cosiddetto Tardo periodo Uruk (seconda metà del IV millennio a.C.), ebbe un aumento della stratificazione sociale ed un consolidamento crescente dell'interazione tra i lontani ambienti sociale ed economico. La frammentazione regionale del potere economico, attraverso l'emergere di città-stato, ha permesso lo sviluppo di cultura e società locali per un migliore utilizzo degli ambienti e delle risorse naturali, distinguendo questo periodo da quello precedente, quando le città della Mesopotamia stabilirono avamposti coloniali in tutto il Vicino Oriente per un miglior controllo sulle risorse periferiche. Diversi fattori contribuiscono alla significativa trasformazione dei complessi metodi di sepoltura. La pratica di seppellire i morti nelle case è tipica di questo periodo archeologico, è stata trovata in quasi ogni sito della Chiesa siro–anatolica della Valle dell'Eufrate e in alcuni antichi insediamenti della Bassa Mesopotamia. (Cfr. Abstract).

Le trasformazioni del costume funerario ateniese nella necropoli pre-soloniana del Kerameikos

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Archeologia - Periodici; Storia Antica; Dati editoriali: Napoli, Istituto Universitario Orientale.

Descrizione

D'Onofrio, Anna Maria, Le trasformazioni del costume funerario ateniese nella necropoli pre-soloniana del Kerameikos, In “Annali dell’Università degli Studi di Napoli L’Orientale”, Sezione di Archeologia e Storia Antica, n. XV, pp. 143-171.

L'autrice, attraverso un riesame generale dei componenti della sepoltura rituale proto- attica, mostra che la continua stratificazione delle infrastrutture funerarie della necropoli del Kerameikos è una conseguenza della natura stessa delle strutture, effimeri siti di cerimonie funebri sontuose, volutamente riproposte all'interno dei singoli appezzamenti anche a pochi anni di distanza.
Infine, indica i punti deboli nell'interpretazione delle tombe costruite come imitazione di “oikoi”, e suggerisce invece che potrebbero aver avuto la funzione di piattaforma rituale, una sorta di altare, in linea con le connotazioni eroiche marcate da queste sepolture. (cfr. abstract)

Le trasformazioni del welfare italiano nell’area penale: il caso dell’affidamento in prova al servizio sociale

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Diritto penale; Welfare; Sociologia; Ricerca sociale;

Descrizione

Procaccini, Andrea, Le trasformazioni del welfare italiano nell’area penale: il caso dell’affidamento in prova al servizio sociale, tesi di dottorato, 2007

La prima parte del lavoro è dedicata alla ricostruzione dei principali passaggi storici che hanno portato alla formulazione del modello assistenziale di giustizia penale.La seconda parte del lavoro riguarda le recenti trasformazioni registratesi nell’ambito delle politiche penali e sociali negli ultimi decenni con particolare riferimento al caso italiano.(cfr. introduzione)

Lectura Dantis 2002 - 2009, Tomo I : 2002 - 2003

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Letteratura Italiana; Alighieri, Dante ; Dati editoriali: Napoli, Istituto Universitario Orientale, 2011

Descrizione

Lectura Dantis 2002 - 2009, a cura di Anna Cerbo, con la collaborazione di Mariangela Semola, Napoli, Istituto Universitario Orientale, 2011, Tomo I 2002 – 2003.

Questa raccolta è composta da quattro tomi dove si sviluppano alcune tematiche  a partire dalle tesi sostenute nella Divina Commedia di Dante. Nel I Tomo, attraverso un percorso tra i canti dell'Inferno dantesco, si analizzano temi come la fortuna di Dante nell'editoria araba, la presenza dello scrittore in Slovenia, la figura di Maria nella Commedia, inoltre si affrontano motivi medievali e danteschi. 

Lectura Dantis 2002 - 2009. Tomo III : 2006 - 2008

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Letteratura Italiana; Alighieri, Dante; Dati editoriali: Napoli, Istituto Universitario Orientale, 2011

Descrizione

Lectura Dantis 2002 - 2009, a cura di Anna Cerbo, con la collaborazione di Mariangela Semola; Napoli, Istituto Universitario Orientale, 2011, Tomo III : 2006 - 2008.

Il lavoro presenta un percorso nell'Inferno della Divina Commedia di Dante Alighieri, rivisitato dai vari contributi che ne analizzano particolari punti di vista. Si affronteranno temi quali la vita e la morte, l'allegoria e la polisemia dantesche, Dante nel mito classico, nel suo riuso cristiano, e i suoi rapporti con l'Islam. Tutte le tematiche avranno come sfondo le rime di alcuni canti dell'Inferno dantesco.  

Lectura Dantis 2002 - 2009. Tomo IV : 2009

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Letteratura Italiana; Alighieri, Dante; Dati editoriali: Napoli, Istituto Universitario Orientale, 2011

Descrizione

Lectura Dantis 2002 - 2009, a cura di Anna Cerbo, con la collaborazione di Mariangela Semola, Napoli, Istituto Universitario Orientale, 2011, Tomo IV : 2009.

Il lavoro presenta un'analisi della Divina Commedia di Dante attraverso i vari punti di vista dei diversi contributi. In questo volume si analizzano diversi canti dell'Inferno e del Purgatorio danteschi, ci si sofferma particolarmente su diversi temi quali la mistica ebraica come chiave di lettura dantesca, o su antichi commenti alla commedia.

Leonardo da Vinci

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Letteratura Italiana; Biografia; Leonardo, da Vinci; Dati editoriali: Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana

Descrizione

Frosini, Fabio - Vecce, Carlo, Leonardo da Vinci, In, “Enciclopedia Italiana di Scienze, Lettere ed Arti”, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, Ottava appendice, pp. 140-148.

Leonardo da Vinci è sicuramente una delle figure più rappresentative del Rinascimento, di cui incarna l'aspirazione di conoscenza del reale per mezzo della ragione e dell'esperienza; allo stesso tempo, la sua carriera compendia l'ideale di 'uomo universale', proiettato contemporaneamente verso l'indagine della natura, la sapienza pratica degli ingegneri, la ricerca della bellezza e la rappresentazione della realtà per mezzo delle arti figurative. Una posizione non isolata, ma profondamente incardinata nelle dinamiche di rapporto tra intellettuale e potere, in una Italia, quella tra XV e XVI secolo, in cui entra in crisi il sistema di equilibrio dei potentati nazionali e si scatena la lotta delle nuove potenze europee”. (Cfr. p. 140).

Leonardo nella critica e nella letteratura italiana di metà Novecento

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Leonardo, da Vinci; Studi; 1930-1952; Atti di Congressi; Dati editoriali: Firenze, Olschki, 2013

Descrizione

Vecce, Carlo, Leonardo nella critica e nella letteratura italiana di metà Novecento, In “Leonardo 1952 e la cultura dell'Europa nel dopoguerra : atti del Convegno internazionale, Firenze, Istituto nazionale di studi sul Rinascimento e Vinci, Biblioteca Leonardiana, 29-30-31 ottobre 2009 / a cura di Romano Nanni e Maurizio Torrini”, Firenze, Olschki, 2013, pp. 367-387. 

Il Prof. Carlo Vecce con il suo contributo analizza la fortuna di  Leonardo da Vinci nella critica e nella letteratura italiana di metà Novecento, mettendola in rilievo rispetto all'immagine di Leonardo “Scienziato” ed “Inventore” più comunemente diffusa. 

Leonardo: favole e facezie, disegni di Leonardo dal Codice Atlantico

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Letteratura Italiana; Leonardo, da Vinci; Dati editoriali: Novara, De Agostini, 2013

Descrizione

Vecce, Carlo - Cirnigliaro, Giuditta, Leonardo: favole e facezie, disegni di Leonardo dal Codice Atlantico, Novara, De Agostini, 2013, pp. 9-14.

Il lavoro analizza la figura di Leonardo nella dimensione di scrittore, così come passa nella cultura contemporanea, in una posizione solo apparentemente secondaria rispetto alle tematiche scientifiche e tecnologiche. Tra i manoscritti e i fogli sparsi di Leonardo si trovano proverbi, favole, pensieri, descrizioni fantastiche, dove affiora tutta l'eredità del mondo popolare toscano determinante nella prima formazione di Leonardo.

Leopardi e Sannazaro

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Letteratura Italiana; Leopardi, Giacomo; Sannazzaro, Iacopo; Dati editoriali: Pisa, Pacini, 2010

Descrizione

Vecce, Carlo, Leopardi e Sannazaro, In “Leopardi e il ‘500”, a cura Paola Italia, Pisa, Pacini, 2010, pp. 9-25.

Non sempre è facile riconoscere gli incontri tra poeti. E quello tra Leopardi e Sannazaro era stato fino ad allora trascurato dalla tradizione critica non solo perché mimetizzato o poco esibito dal poeta recanatese, ma anche perché problematico e di difficile integrazione all’interno di un orizzonte interpretativo che privilegiava la poesia degli idilli e ne avvertiva meno la densa stratificazione intertestuale. Oltre il primo bilancio di Corti e Agosti, Francesco Tateo ha magistralmente fornito il dossier di consonanze e corrispondenze che consentono di ricostruire una lettura ampia e sistematica dell’opera di Sannazaro da parte di Leopardi. Più che estenderne il quadro, gioverà riflettere sul piano di intertestualità profonda, basata su un habitus simile di relazione con i testi e la tradizione, di interazione continua tra filologia e prassi esegetica, tra creazione e autocommento, tra discorso di primo e di secondo grado”. (Cfr. p. 9).

Libri elettronici. Pratiche della didattica e della ricerca

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Pubblicazioni elettroniche - Diritti d'autore - Editoria elettronica; Biblioteconomia; Diritto commerciale; Dati editoriali: Napoli, ClioPress, c2005

Descrizione

Roberto Delle Donne(a cura di), Libri elettronici. Pratiche della didattica e della ricerca, Monografia

 Il volume raccoglie gli atti del convegno "I libri elettronici. Pratiche della didattica e della ricerca", organizzato il 20 giugno 2003, presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, con lo scopo di chiarire quali vincoli e quali opportunità si sviluppano dalle reti telematiche e dall’editoria elettronica per il prodotto culturale “libro” e, soprattutto, per la “monografia di ricerca”, ritenuta il vincolo che meglio risponde alle esigenze della ricerca scientifica. La prima parte del volume affronta i condizionamenti del mercato sui circuiti della comunicazione scientifica (G. Vitiello), e le loro ripercussioni sullo sviluppo normativo del copyright (A. De Robbio), per dedicare poi spazio all’analisi delle strategie di conservazione delle memorie digitali, un tema spesso sottovalutato dalle istituzioni di ricerca e dai governi nazionali (M. Guercio). Nella seconda parte,invece, viene affrontato il problema dell’uso didattico degli e-book (G. Roncaglia), prima di passare ad analizzare e a valorizzare le possibilità che l’informatica e le reti telematiche sembrano aprire al variegato universo delle “pratiche disciplinari”, dalle scienze fisiche (R. Figari) e biomediche (M. Della Seta) agli studi storici (R. Delle Donne). Infatti il “mutamento digitale” dell’ultimo decennio sembra aprire la strada a nuove convergenze, attraverso l’implementazione di piattaforme per pubblicare in formato elettronico, ad accesso aperto, monografie ,riviste, materiale scientifico, didattico e multimediale.

Lineamenti di storia dell'archeologia dell'Etiopia e della Somalia

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Archeologia; Etiopia; Somalia; Dati editoriali: Napoli, Istituto Universitario Orientale, 1992.

Descrizione

Fattovich, Rodolfo, Lineamenti di storia dell'archeologia dell'Etiopia e della Somalia, Napoli, Istituto Universitario Orientale, 1992, Suppl. n. 71 agli “Annali” vol. LII, fasc. 2.

In questa sede viene presentata una sintesi delle ricerche archeologiche finora svolte sia in Etiopia e Eritrea sia nelle regioni immediatamente circostanti (Bassopiani Etiopico – Sudanesi, Territorio di Gibuti, Somalia) per mettere in evidenza il contributo dato dai singoli studiosi alla conoscenza del passato di questi paesi, precisando anche i limiti stessi delle conoscenze finora acquisite. (Cfr. p. 3).

Lo studio dell’organizzazione industriale di Moenjodaro (Sind, Pakistan): elementi analitici per un sistema informativo “a crescere”

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Archeologia; Medio Oriente; Artigianato; Dati editoriali: Napoli, Istituto Universitario Orientale

Descrizione

Vidale, Massimo, Lo studio dell’organizzazione industriale di Moenjodaro (Sind, Pakistan): elementi analitici per un sistema informativo “a crescere”, In “Annali dell’Università degli studi di Napoli L’Orientale”, Rivista del Dipartimento di Studi Asiatici e del Dipartimento di Studi e Ricerche su Africa e Paesi Arabi, n.46, fasc. 2, pp. 315-348.

La definizione di un modello interpretativo sull'organizzazione della produzione artigianale a Moenjodaro rappresenta uno degli obiettivi centrali della ricerca attualmente condotta dallo scrivente sulla natura dell'organizzazione industriale nei contesti urbani “Maturo-Harappani” e sulle relative implicazioni sociali.” (Vidale 1984). Il termine “Maturo-Harappano” si riferisce nella presente ricerca alle fasi urbane evolute di Moenjodaro, quali esse ci appaiono alla luce degli scavi eseguiti nell'intervallo tra le due guerre e dei relativi modelli interpretativi, tradizionalmente compresa nell'arco della seconda metà del terzo millennio a.C. (Cfr. p. 315).

Magna Grecia : Città greche di Magna Grecia e Sicilia

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Magna Grecia - Sicilia; Colonie Greche; Dati editoriali: Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 2012.

Descrizione

AA.VV., Magna Grecia : città greche di Magna Grecia e Sicilia, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 2012,  pp. 55-69.

Il contributo di Greco, Emanuele, Città greche di Magna Grecia e Sicilia: caratteri e strutture, presenta un excursus del movimento dalla Grecia all'Italia e alla Sicilia, a partire dalla seconda metà dell'VIII secolo a.C., e l'origine etnica dei migranti.
Più precisamente, per quel che riguarda l'ultimo punto, specifica la differenza tra “apoikoi” ovvero gente che emigra allontanandosi da casa,  e “apoikiai” che sono i luoghi in cui si installano e fondano città, realizzando ktismata, nuove colonie oltremare. Il testo analizza inoltre una nuova fase di fondazione di “colonie di colonie”(VIII secolo, inizio VII secolo a.C.) , ovvero non apoikoi che vengono dalla Grecia, ma gente partita dalle città fondate in Occidente. (cfr. p. 55).