Banche dati, Open Archives, Libri elettronici

Banche dati

Le banche dati possono essere consultate, previa registrazione al servizio, presso la sezione Reference risorse digitali e nelle sezioni con terminali abilitati.

Le banche dati online sono risorse in abbonamento sottoscritte dalla biblioteca e consultabili solo in sede.
Le banche dati offline sono risorse in cd-rom o dvd-rom visibili solo in sede.
Le banche dati a libero accesso sono risorse selezionate nel web e consultabili anche da remoto.
Gli Open Archives sono risorse disponibili negli archivi delle università italiane a libero accesso e consultabili anche da remoto.

L'utilizzo dei dati deve tener conto della normativa in materia di diritto d'autore (L. 633/1941 e successive modifiche).

(ultima verifica: marzo 2017)

Risorse

Da Acelum a Volsinii: gli acquedotti romani in Italia. Committenza, finanziamento, gestione

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Acquedotti romani - Italia; Acquedotti romani - Committenza; Acquedotti romani - Finanziamento; Acquedotti romani - Gestione;

Descrizione

Lavinia De Rosa, Da Acelum a Volsinii: gli acquedotti romani in Italia. Committenza, finanziamento, gestione, Tesi di dottorato.

Questa ricerca presenta un censimento di tutti gli acquedotti romani in Italia attestati e si estende ad un’analisi del contesto storico e culturale nel quale essi si inseriscono; in particolare il lavoro prende in esame gli aspetti legati alla committenza, al finanziamento e alla gestione degli acquedotti pubblici in relazione alle diverse epoche. Il primo capitolo presenta il catalogo ragionato delle opere, distinte per aree geografiche, basato su una scheda specificamente elaborata e con un repertorio bibliografico di approfondimento. Il secondo capitolo propone un’articolazione cronologica in cinque fasi della diffusione degli acquedotti entro il più generale contesto della romanizzazione della penisola. Il terzo capitolo, infine, studia la costruzione e la gestione degli acquedotti, dalla committenza al finanziamento, alle competenze amministrative, alle attività di restauro. Seguono tre appendici, con il repertorio delle fonti relative alle fasi di costruzione (Appendice I) e restauro (Appendice II) e con la sintetica presentazione in una tabella delle
informazioni disponibili su committenti e finanziatori.

Dal Boccaccio napoletano a Pasolini

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Letteratura Italiana; Pasolini, Pier Paolo; Boccaccio, Giovanni; Napoli; Dati editoriali: Novi Ligure, Città del silenzio, 2012

Descrizione

Vecce, Carlo, Dal Boccaccio napoletano a Pasolini, In “La letteratura degli Italiani. Rotte confini passaggi, Atti del XIV Congresso Nazionale dell’ADI (Genova, 15-18 settembre 2010)” Novi Ligure, Città del silenzio, 2012.

Il Decameron di Pasolini (1970), non è solo un capolavoro della storia del cinema, ma anche un importante documento di lettura ed interpretazione dell'opera di Boccaccio nella cultura contemporanea, ed è importante studiare la metamorfosi del testo attraverso tutti i passaggi, da Boccaccio al “Trattamento” e alla “Sceneggiatura”. Uno dei principali cambiamenti è sicuramente la “traduzione” del Decameron dal contesto originale (Firenze e Toscana) ad un contesto Mediterraneo, Napoli e Sud Italia (e, in un episodio perduto, la storia di Alibech, dunque anche il Medio Oriente, il deserto dello Yemen e la fantastica architettura di Sana'a). (Cfr. Abstract).

Dall’innovazione normativa alla pratica educativa: il caso della conferenza d'ambito della provincia di Napoli

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Educazione; Enti locali - Legislazione;

Descrizione

Napoletano, Daniela,  Dall’innovazione normativa alla pratica educativa: il caso della conferenza d'ambito della provincia di Napoli, Tesi di dottorato, 2006

La seguente tesi approfondisce il tema delle innovazioni normative che caratterizzano le politiche educative. In particolare, analizza il processo di istituzione e di avvio della Conferenza d’Ambito, il nuovo organismo territoriale di governo del sistema scolastico e formativo costituito dall’ente locale Provincia di Napoli, Assessorato alle Politiche scolastiche e formative. Lo scopo è stato quello di approfondire, attraverso l’opinione di questi testimoni privilegiati, il contesto socio-istituzionale prima e dopo l’attuazione della Conferenza d’Ambito. In particolare, l’attenzione è stata rivolta agli aspetti innovativi introdotti dalla Conferenza rispetto alle precedenti pratiche decisionali e a quanto l’efficacia della prospettiva di “rete nella decisione” si traduce in pratica. Quindi è stato attuato uno studio da un punto di vista qualitativo, cercando  di rinforzare il dato empirico per trarne delle linee conclusive quanto più possibile aderenti al quadro della realtà studiata, così da riflettere sui punti di forza e sui punti di debolezza di questo strumento di governance “locale” delle politiche educative. Lo studio privilegia l’Ambito Flegreo e l’Ambito Vesuviano Costiero. (cfr. Abstract)

 

Dante e l’apocalittica dell’Antico e del Nuovo Testamento

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Alighieri, Dante - Divina Commedia; Dati editoriali: Pisa : Roma, Fabrizio Serra Editore

Descrizione

Cerbo, Anna, Dante e l’apocalittica dell’Antico e del Nuovo Testamento, InLinguistica e Letteratura", Pisa : Roma, Fabrizio Serra Editore, vol. XXXV, fasc. n. 1-2, pp. 175-211.

Il saggio è la sintesi di un’approfondita ricerca sulla presenza dei libri Profetici del Vecchio Testamento e dell’Apocalisse in un nucleo di cinque canti della Comedìa: Inferno XIX, Purgatorio XXIX, XXXII e XXXIII, e Paradiso XXV. Il lavoro individua e illustra il metodo dantesco di combinazione e di riuso dei modelli biblici; considera come i Commenti medievali e patristici dei Libri scritturali (in particolare dell’Apocalisse e del Cantico dei Cantici) con le loro miniature abbiano esercitato una notevole influenza su Dante poeta. Ma in questi canti la poesia raggiunge anche il più alto vertice dell’aemultio del mito classico (si pensi al mito di Piramo), in armonia con l’impegno profetico di Dante e con la sua esperienza mistica nell’ultima tappa del viaggio a Dio. (Cfr. Abstract) 

Decostruzioni e ricostruzioni postcoloniali. imparare a immaginare (l') altro

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Psicologia; Studi di genere;

Descrizione

Callegari, Giovanna. Decostruzioni e ricostruzioni postcoloniali.Imparare a immaginare (l') altro. Tesi di dottorato, 2008

La tesi si sviluppa in tre parti: il primo capitolo ha per titolo: "Decostruzioni e immaginazioni.Gayatri C. Spivak: s-figurare, educare, amare". Dalla lettura della Spivak emerge la potenzialità decostruttiva dell´immaginazione, che nell´ambito della critica postcoloniale opera sulla rappresentazione dell´Altro in modo da far emergere le discontinuità presenti tra il piano epistemologico, politico ed etico.
Il secondo capitolo ha come titolo: "Ricostruzioni e immaginazioni. Assia Djebar: restituire, creare, trasmettere".Nell´opera della Djebar ritroviamo la potenzialità ricostruttiva dell´immaginazione, che, nel tentativo di recuperare la voce delle donne algerine all´indomani della guerra di liberazione, e quella della Djebar stessa, si relaziona con la memoria ed istaura molteplici relazioni con l´Alterità.
Il terzo capitolo ha come titolo: "L’(immagine come) archivio echo-grafico". In questo capitolo si propone l´idea di un modo di intendere la rappresentazione come archivio echo-grafico, cioè come luogo in cui il rapporto con l´Altro/a si possa cogliere attivando risorse diverse da quelle meramente conoscitive.

Descrittione dell'amenissimo distretto della citta di Napoli, et dell'antichita della citta di Pozzuolo. Con la narratione di tutti i luoghi notabili, e degni di memoria di Cuma, di Baia, di Miseno, & degli altri luoghi conuicini. ... Conle figure de gli

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Napoli - Guide - sec. 17; Pozzuoli - Guide - Sec. XVII; Cuma - Guide - Sec. XVII; Baia - Guide - Sec. XVII; Miseno - Guide - Sec. XVII;

Descrizione

Giuseppe Mormile, Descrittione dell'amenissimo distretto della citta di Napoli, et dell'antichita della citta di Pozzuolo. Con la narratione di tutti i luoghi notabili, e degni di memoria di Cuma, di Baia, di Miseno, & degli altri luoghi conuicini. ... Conle figure de gli edificij, & con gli epitaffi, che vi sono, Monografia (Riproduzione digitale dell'originale)

In Napoli : nella stampa di Tarquinio Longo : ad instanza di Pietro Antonio Sofia libraro, 1617 Estensione fisica: [12], 208 p. : ill. ; 8 Note: Fregio sul front. - Cors. ; rom. - Segn.: aAL. - Stemma del dedicatario, Vincenzo De Ponte, sul v. del front. Impronta: u-io a.8. c.e, semi (3) 1617 (A) 

L’opera del Mormile  fu particolarmente apprezzata per il formato tascabile ed estremamente maneggevole, ma anche per il tono discorsivo della narrazione attenta alle etimologie dei luoghi e alle leggende popolari. Ancora oggi essa è uno strumento di facile consultazione, ed utile per chi voglia conoscere la storia della città. Raccogliendo numerose xilografie raffiguranti le bellezze architettoniche e paesaggistiche della Napoli del Seicento e descrivendone i borghi, i palazzi, le ville, i giardini e le fontane, ma anche i dintorni fino a Cuma, Baia e Capo Miseno, l’opera del Mormile offre informazioni sulla storia della città di grande rilievo anche per un lettore moderno.

Destino e responsabilità: individualità, linguaggio e desiderio nella "Teogonia" di Ludwig Feuerbach

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto:  Feuerbach, Ludwig Andreas ; Teogonia;

Descrizione

Cardillo, Andrea,  Destino e responsabilità: individualità, linguaggio e desiderio nella "Teogonia" di Ludwig Feuerbach. Tesi di dottorato, 2008

L'ampia tesi, strutturata in due parti, è uno studio approfondito della nascita e dello sviluppo del pensiero di Feuerbach per poi passare all'analisi dell'opera "La Teogonia, secondo le fonti dell’antichità classica, ebraica e cristiana" che Feuerbach considerava il frutto più maturo e lucido del suo lavoro di critica religiosa, ma che è quella meno nota tra le sue opere maggiori."Mettendo a confronto le pagine della Teogonia con quelle della Essenza del cristianesimo o della Essenza della religione, appare immediatamente evidente che, rispetto a quelle, l’opera del 1857 si distingue per un attenzione rigorosa alla discussione delle fonti del tutto inedita. Questa scelta era l’esito finale della ricerca di un nuovo metodo d’indagine filosofica capace di aggirare i tranelli del sovrannaturalismo e di prendere le sue mosse direttamente dall’esperienza concreta dell’uomo, essere corporeo, sensibile e finito." (cfr. Parte Seconda pp.143-144) Chiude la tesi una traduzione inedita dell'opera trattata.

Documenti inediti sul pittore Decio Tramontano

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Tramontano, Decio - Documenti; Tramontano, Decio - Opere;

Descrizione

Vincenzo De Luise, Documenti inediti sul pittore Decio Tramontano, Articolo (risorsa digitale)

Nell'articolo sono trascritti ed esaminati alcuni documenti inediti tratti da un giornale copiapolizze del Banco Ravaschieri e Spinola, conservato all'Archivio di Stato di Napoli, relativi a vari pagamenti effettuati da Cesare Miroballo al pittore Decio Tramontano in merito a opere eseguite per il suo palazzo.

Due scritti medici di al-Kindi

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Antichità; Medio oriente; Letteratura Araba; Medicina; Dati editoriali: Napoli, Istituto Universitario Orientale, 1979

Descrizione

Due scritti medici di al-Kindi, a cura di Giuseppe Celentano, Napoli, Istituto Universitario Orientale, 1979, Suppl. n. 18 agli “Annali”, vol. 39, fasc. 1.

Nel 1932 Hellmut Ritter rese nota in un articolo l'esistenza di circa trenta scritti di al-Kindī (m. c. 256/870), sino allora in gran parte conosciuti solo dal titolo o del tutto sconosciuti. Da allora la maggior parte di essi, avente contenuto filosofico o scientifico, è stata edita. H. Ritter e R. Walzer avvertirono subito che pubblicare tutti gli scritti del codice sarebbe stato “uno dei più importanti compiti degli studi” nel campo della letteratura araba. Gli stessi si posero subito il problema di accertare “quanto la tardiva letteratura araba dipenda dall'attività di al-Kindī, che sta ai limiti fra il mondo antico e quello musulmano, e fino a che punto egli stesso sia debitore all'antica cultura greca”, al fine di stabilire con maggiore precisione “come si è compiuta la trasfusione dell'antico patrimonio greco nel mondo islamico-arabo”. Mio proposito è pubblicare due dei pochi scritti rimasti ancora inediti, gli unici di argomento medico: il Kitāb al-bāh (Libro sul coito) e la Risāla fī'l-lutga (Epistola sulla blesità). Essi, se pure non rivestono l'importanza degli scritti filosofici, non sono privi di interesse per lo studio della posizione di questo autore, la prima mente universale del mondo islamico”. (Cfr. p. 1).  

E-research: risorse e strumenti Web per le scienze sociali

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: E-research; Open archive; Sociologia della comunicazione; Ricerca dell'informazione; Information retrieval;

Descrizione

Buffardi, Annalisa,  E-research: risorse e strumenti Web per le scienze sociali, Tesi di dottorato, 2006

Questa tesi ruota attorno a tre elementi fondamentali: la nuova circolazione delle informazioni, le nuove possibilità di interazione on-line e il rinnovamento delle procedure di produzione scientifica. Si analizza la trasformazione avviata nel processo di costruzione e di gestione delle conoscenze attraverso la rete. "Più in particolare, l’obiettivo è quello di delineare un quadro teorico ed operativo dei nuovi scenari aperti nelle scienze sociali dall’utilizzo del Web. Considerato come fonte per la ricerca e come ambiente di conoscenza. [...] La prima parte di questo lavoro approfondisce il dibattito sull’impatto dei nuovi media, ripercorrendo le principali teorie sulla cosiddetta “rivoluzione digitale” e avvia la problematica delle potenzialità - e dei limiti - dei nuovi mezzi informatici e multimediali come strumenti di studio e di ricerca.[...] la seconda parte del lavoro focalizza l’attenzione sull’utilizzo di Internet sia come fonte per la ricerca, quindi come archivio di risorse, sia come mezzo di comunicazione fondato su – e generatore di – nuove forme di azione e di interazione. (cfr. Introduzione)

EASEL e la ragion di Stato: esperienza possibile per l’e-learning?

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Europa - Comunicazione - Tecnologie; E-learning; Filosofia politica; Ragion di Stato;

Descrizione

Filomena Castaldo, Almerindo Graziano, Vincenzo Vecchio, EASEL e la ragion di Stato: esperienza possibile per l’e-learning?, 2001, [articolo]

Il presente articolo documenta l'esperienza relativa al Progetto europeo EASEL (Educator Access to Services in the Electronic Landscape). Il progetto specificamente coglie delle preoccupazioni espresse nel Libro Bianco della EC “Teaching and Learning: Towards the Learning Society”: 1. la mobilità virtuale e gli usi di new information e tecnologie di comunicazione. 2. lo sviluppo dell’innovazione attraverso progetti pilota basati su associazioni transnazionali.[...] EASEL è un progetto IST, finanziato nell’ambito del V Programma Quadro, con lo scopo di esplorare tecnologie per la creazione di un ambiente di sviluppo di nuove risorse didattiche online.

Edizione critica dei Capitoli giocosi e satirici di Luigi Tansillo

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Tansillo Luigi <1510-1568>; Filologia moderna; Dati editoriali: Napoli, Università degli Studi Federico II, 2009

Descrizione

Carmine Boccia, Edizione critica dei Capitoli giocosi e satirici di Luigi Tansillo, Tesi di dottorato

Il lavoro costituisce una lettura critica dei Capitoli del Tansillo nell'ambito del quadro storico-letterario napoletano della prima metà del Cinquecento.

Efficienza delle banche e strutture organizzative: un’analisi dei modelli di comportamento come fattori esplicativi dell’efficienza.

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Banche - Processo stocastico; Efficienza - Valutazione - Modelli econometrici;

Descrizione

Giordano, Luca, Efficienza delle banche e strutture organizzative: un’analisi dei modelli di comportamento come fattori esplicativi dell’efficienza, tesi di dottorato, 2006

Il sistema bancario italiano è stato investito da un profondo processo di consolidamento e ristrutturazione a partire dagli inizi degli anni novanta. Tale processo ha inciso profondamente sugli assetti organizzativi e sui modelli di comportamento degli intermediari, ha plasmato le relazioni banca-cliente, ha inciso sensibilmente sulla rilevanza della contiguità territoriale e dell’intangibilità delle informazioni. Questo lavoro si propone di indagare, avvalendosi di metodi econometrici di derivazione di frontiere stocastiche, quali siano stati gli esiti in termini di efficienza di questa profonda trasformazione della struttura del mercato del credito in Italia.(cfr. abstract)

Femminismo e Postcolonialismo: il dibattito sullo sviluppo internazionale: uno studio di caso in Eritrea

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Femminismo; Postcolonialismo; Organizzazioni non governative

Descrizione

Serena Messina, Femminismo e Postcolonialismo: il dibattito sullo sviluppo internazionale: uno studio di caso in Eritrea, Tesi di dottorato

"Oggetto di questa ricerca è il dibattito femminista postcoloniale e transnazionale, con particolare riferimento al ruolo che i progetti di cooperazione allo sviluppo svolgono nella vita delle donne. Il dibattito è analizzato in relazione alla ricerca sul campo in Eritrea dove, attraverso una Gender Analysis, ho potuto verificare i principi teorici nel contesto specifico dell’Organizzazione non governativa Manitese. L’idea di questa tesi è nata dai miei precedenti lavori con le donne dell’ Honduras e della Bolivia. In queste esperienze “sul campo” mi sono trovata spesso a fare i conti con quella condizione di “straniera in terra straniera” che Iain Chambers ha illustrato nel suo libro “Paesaggi migratori”. Ho potuto quindi costatare personalmente i limiti e le contraddizioni del mio pensiero di “donna bianca occidentale” nel relazionarmi con culture così diverse dalla mia. Uno degli obiettivi della ricerca è stato proprio quello di accogliere queste contraddizioni, fare spazio ai dubbi e agli interrogativi che naturalmente sorgono quando si parla di cooperazione internazionale e dinamiche interculturali. La critica postcoloniale rappresenta, quindi, il contenitore teorico di questo lavoro attraverso il quale sono riuscita ad approfondire l’eredità culturale di cui sono portatrice e, soprattutto, a giungere ad un nuovo, e maggiormente critico, senso del mio agire all’interno delle Ong internazionali. Nel concreto, ho provato a riflettere questi aspetti teorici nei limiti dei confini eritrei e, in particolare, dei progetti realizzati nel paese dall’Ong Manitese. Le attività delle donne eritree, i loro ruoli, le possibilità e i problemi sono la visione principale di questa ricerca che facendo riferimento a indicazioni postcoloniali propone il racconto della storia di un paese e, più in particolare, di una Organizzazione non governativa, relativamente piccola, che lavora in una delle tante periferie del nostro mondo." (cfr. abstract) 

Figurazioni dell’acqua nella poesia italiana del primo Novecento

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Poesia Italiana - Sec. XX

Descrizione

Virginia Di Martino, Figurazioni dell’acqua nella poesia italiana del primo Novecento, Tesi di dottorato

Il lavoro si propone di analizzare come nella poesia dei primi decenni del XX secolo facciano la loro comparsa temi legati all'acqua e alle sue figurazioni.
L'immersione, il naufragio, il rispecchiarsi dell'uomo nell'acqua, costituiscono archetipi culturali e poetici.
Nei capitoli si è tentato di rendere la “profondità” temporale delle diverse immagini relative all'acqua che approdano alla poesia novecentesca, e di mettere in luce come la stessa tematica cambia a seconda del microcosmo poetico in cui è chiamata ad attualizzarsi.Undici sono i poeti scelti per taleanalisi: Corazzini, Moretti, Gozzano, Govoni, Palazzeschi, Sbarbaro, Rebora, Campana, Ungaretti, Saba, Montale.