Banche dati, Open Archives, Libri elettronici

Banche dati

Le banche dati possono essere consultate, previa registrazione al servizio, presso la sezione Reference risorse digitali e nelle sezioni con terminali abilitati.

Le banche dati online sono risorse in abbonamento sottoscritte dalla biblioteca e consultabili solo in sede.
Le banche dati offline sono risorse in cd-rom o dvd-rom visibili solo in sede.
Le banche dati a libero accesso sono risorse selezionate nel web e consultabili anche da remoto.
Gli Open Archives sono risorse disponibili negli archivi delle università italiane a libero accesso e consultabili anche da remoto.

L'utilizzo dei dati deve tener conto della normativa in materia di diritto d'autore (L. 633/1941 e successive modifiche).

(ultima verifica: marzo 2017)

Risorse

Il vuoto e la bellezza : La ricezione della poesia giapponese nella cultura occidentale.

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Poesia giapponese - Sec. XX; Letteratura occidentale - Sec. XIX-XX;

Descrizione

Giorgio Sica, Il vuoto e la bellezza. La ricezione della poesia giapponese nella cultura occidentale, Tesi di dottorato

Il lavoro costituisce un tentativo di ricostruire il fenomeno della poesia giapponese nella cultura occidentale, avvenuta nei primi decenni dello scorso secolo. Nella parte introduttiva si descrivono le caratteristiche principali della poesia nipponica, mentre nella prima parte si illustrano le fondamentali acquisizioni di tecniche e tematiche derivate dalla pittura e dalle arti decorative giapponesi, avvenute in Europa e negli Stati Uniti a partire dalla seconda metà del secolo XIX. Tale fenomeno suscitò un notevole interesse per il mondo del Sol Levante in scrittori di primo piano. Proprio a quest’ultimo fenomeno è dedicata la seconda parte della tesi, nella quale si analizza la diffusione della poesia giapponese nei contesti culturali americano, italiano e francese, prendendo in esame, la produzione poetica di Mallarmé, Éluard, Claudel, Rilke, Pound, Stevens, Cummings, Ungaretti, Saba e Penna.

Indagine conoscitiva finalizzata all’individuazione di modelli e strumenti per l’avvio e l’implementazione del controllo di gestione nelle aziende sanitarie. Il caso dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II.

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Ospedali - Gestione finanziaria; Aziende - Gestione - Controllo;

Descrizione

Giugliano, Alberto,  Indagine conoscitiva finalizzata all’individuazione di modelli e strumenti per l’avvio e l’implementazione del controllo di gestione nelle aziende sanitarie. Il caso dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II, tesi di dottorato, 2010

L’implementazione di un Sistema di Controllo di Gestione nelle aziende sanitarie si configura come uno strumento manageriale indispensabile per orientare le aziende stesse verso i principi di efficacia, efficienza ed economicità della gestione, valutando e monitorando l’attività produttiva e, soprattutto, responsabilizzando gli operatori sugli obiettivi e i risultati programmati e raggiunti. L’esperienza svolta sul campo presso l’AOU “Federico II”, dimostra come la nascita di un sistema di controllo di gestione è frutto di un lavoro complesso ed articolato che ha un impatto fortissimo su tutta l’azienda. (cfr. abstract)

Insediamenti rurali e strutture agrarie nella Puglia centrale in età romana

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Insediamenti rurali - Puglia - Età romana; Archeologia classica;

Descrizione

Anna Mangiatordi, Insediamenti rurali e strutture agrarie nella Puglia centrale in età romana,Tesi di dottorato

"La ricerca si propone come contributo all’indagine e all’analisi della vicenda insediativa e delle modalità di occupazione e di sfruttamento del territorio della Puglia centrale in età romana, attraverso lo studio sistematico della documentazione disponibile e la disamina complessiva dei dati raccolti. L’ambito geografico considerato coincide grosso modo con quello della Peucetia, che continuò a mantenere peculiari caratteristiche storiche, sociali, economiche e culturali anche dopo l’avvenuta romanizzazione della regione e l’istituzione della regio secunda Apulia et Calabria. L’arco cronologico della ricerca è circoscritto al periodo compreso fra il III sec. a.C., quando risulta definitivamente dissolta la lega etnica dei Peucezi, ora assorbiti nella confederazione di Roma, e la fine del III sec. d.C., quando il «terremoto amministrativo» che sconvolse l’Italia portò all’istituzione della provincia Apulia et Calabria, determinando mutamenti non solo amministrativi, ma anche economici, sociali e insediativi, che portarono alla nascita di nuove modalità di occupazione, gestione e sfruttamento del territorio." (cfr.Introduzione p. 1)

Jules Champfleury (1821-1889) : Littérature et caricature

Tipologia: Open Archive Lingua: francese Soggetto: Champfleury, Jules <1821-1889>; Caricature - Francia - Sec. XIX; Letteratura francese;

Descrizione

Michela Lo Feudo, Jules Champfleury (1821-1889) : Littérature et caricature, Tesi di dottorato

"« Inventée » en Italie à la fin du XVIe siècle, la caricature naît comme divertissement de l’artiste qui se plaît à peindre des portraits comiques en remettant en cause les règles de la représentation. Elle se caractérise d’entrée de jeu par sa double valence mimétique et expressive et atteint son apothéose sous la Monarchie de Juillet. Grâce à l’introduction de la presse industrielle et de la lithographie, elle devient l’un des instruments de contestation politique et de l’enquête sociale menée à travers l’étude des mœurs bourgeoises. C’est au sein de la « petite presse » que la caricature partage avec l’écriture critique et fictionnelle de nouveaux projets esthétiques. A partir de l’expérience de Balzac, pionnier du journalisme et théoricien de la caricature littéraire autour de 1830, la « petite presse » est le lieu où Jules Champfleury, critique d’art, conteur, romancier, théoricien du Réalisme en art, auteur de pantomimes et d’une monumentale Histoire de la caricature, expérimente les armes de la charge. La notion de portrait satirique est le plus important des lieux conceptuels et esthétiques réinterrogés dans et par son écriture piquante. Elle permet une réflexion plus ample sur la condition des artistes et des arts au XIXe siècle ainsi que sur la représentation elle-même. Un fil conducteur unit alors l’œuvre vaste et hétérogène de Champfleury, une œuvre qui se développe à partir de son expérience journalistique et arrive jusqu’aux romans et aux manifestes des années 1850. L’enquête qu’il y mène sera pour l’auteur la prémisse de son Histoire de la caricature: dans ses recherches historiques d’un type complexe, se donne à lire un véritable questionnement sur la littérature contemporaine." (cfr. Abstract)

 

Julius Evola: l’altra faccia della modernità

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Evola, Julius; Arte - Sec. XX;

Descrizione

 Francesca Ricci, Julius Evola: l’altra faccia della modernità, Tesi di dottorato

Questa ricerca si incentra sulla figura Julius Evola all'interno del panorama culturale e politico del novecento .Il lavoro si articola in tre capitoli volti a considerare le dimensioni dell'opera evoliana. Il primo capitolo è dedicato alla dimensione filosofica del periodo giovanile, che colloca Evola all’interno di un difficile rapporto con l’idealismo, nella sua versione attualistica, per poi dar vita a quello che egli definì “idealismo magico”. Il secondo capitolo è invece dedicato ai rapporti di Evola con la Konservative Revolution e il terzo capitolo è dedicato ad uno dei problemi più delicati dell’opera evoliana la questione della razza.

Korai e Kouroi funerari attici

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Archeologia - Periodici; Storia Antica; Dati editoriali: Napoli, Istituto Universitario Orientale.

Descrizione

D'Onofrio, Anna Maria, Korai e Kouroi funerari attici, In “Annali dell’Università degli Studi di Napoli L’Orientale”, Sezione di Archeologia e Storia Antica, n IV, pp. 135-170.

Sistematicamente presenti all'attenzione dello storico dell'arte antica e sottoposti ad approfondite indagini formali, Kouros e Kore restano immagini il cui significato sembra sfuggire tuttora alle diverse definizioni proposte,nonostante le svariate interpretazioni critiche a cui sono state sottoposte. [...] Il fine della presente ricerca è di chiarire il significato del Kouros soprattutto nell'ambito funerario e di verificare, attraverso l'esame della documentazione archeologica, la validità dell'ipotesi storico-psicologica proposta da Vernant, il quale, attraverso la ricostruzione di una “categoria psicologica del doppio”, si è proposto di trovare la funzione originaria della statua nel mondo greco, sostenendo la tesi che vede nel Kouros un'immagine sostitutiva, un Kolossos. (Cfr. pp. 135-137).


L’archeologia del Duemila incontra il Settecento. Ercolano e Pompei: lo scavo e la documentazione degli apparati decorativi

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Archeologia - Restauro; Musei - Città Vesuviane; Dati editoriali: Napoli: Electa Napoli, 2008

Descrizione

Irene Bragantini, L’archeologia del Duemila incontra il Settecento. Ercolano e Pompei: lo scavo e la documentazione degli apparati decorativi. In: Herculanense Museum. Laboratorio sull'antico nella Reggia di Portici, a cura di Cantilena, Renata e Porzio, Annalisa, Napoli, Electa Napoli, 2008, pp. 173-188.

Il contributo di Irene Bragantini tratta la particolare storia dello scavo delle città vesuviane: nel corso del Novecento gli scavi sono ritornati su siti che erano stati indagati per cunicoli o reinterrati nel Settecento portandoli alla luce. Grazie alle moderne tecnologie digitali, sarebbe possibile comunicare ad un più largo pubblico i risultati di tante indagini svoltesi sul territorio: una ricostruzione virtuale potrebbe ricomporre l'unità di questo contesto a diversi livelli di approfondimento.

L’immagine e il contesto : Scelte iconografiche, funzione e fruizione del mito nel mondo romano tra sfera domestica e funeraria

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Archeologia; Bellerofonte e Stenebea - Mito - Iconogrfia; Fedra e Ippolito - Mito - Iconografia; Medea - Mito - Iconografia; Miti - Iconografia - Roma antica; Venere e Adone - Mito - Iconografia;

Descrizione

Serena Venditto, L’immagine e il contesto. Scelte iconografiche, funzione e fruizione del mito nel mondo romano tra sfera domestica e funeraria, Tesi di dottorato

Il lavoro analizza i diversi modi in cui di volta in volta il mito viene reso, percepito, interpretato, col cambiare dei contesti, domestico o funerario, della cronologia e della committenza. Il nucleo centrale del lavoro verte in particolare sull’individuazione di alcuni miti che rivelano delle differenza nella costruzione delle immagini: Fedra e Ippolito, Medea infanticida, Bellerofonte e Stenebea e Venere e Adone, le cui rappresentazioni subiscono, tra la sfera domestica e quella funeraria, mutamenti nel modo in cui essi sono esposti e nel modo in cui è trattata la narrazione.

L’Intangibile in sanità: cultura e clima organizzativo nelle strutture ospedaliere.

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Aziende - Processi innovativi; Organizzazioni sanitarie; Processo del lavoro;

Descrizione

Fiore, Beatrice, L'intangibile in sanità: cultura e clima organizzativo nelle strutture ospedaliere, tesi di dottorato, 2006

Il punto di partenza della tesi, è stato riflettere sui cambiamenti economici, istituzionali, tecnologici, culturali e sociali che in questi ultimi anni hanno modificato i parametri e i modelli di riferimento per le aziende sanitarie: assetti aziendalistici normativamente introdotti , la revisione dei ruoli e delle gerarchie di comando e il ricorso a tecniche di amministrazione e controllo di vario tipo (controllo di gestione, contabilità per centri di costi, controllo di qualità, incentivi (seppur deboli) economici, ecc.). Ciò nonostante, efficienza e performance del settore sanitario, ma anche di molti altri settori di produzione di beni materiali e servizi, non sono soddisfacenti e non sono rari i casi di aziende che non reggono la competizione ed escono dal mercato e di ospedali che continuano a produrre deficit di bilancio e accadimenti vari di cosiddetta malasanità. La tesi esamina sia in termini teorici che empirici l’analisi e la ricerca dei fattori che possono spiegare e, successivamente, aiutare a massimizzare l’obiettivo dell’efficienza e della performance delle organizzazioni e, nello specifico, delle organizzazioni sanitarie. L’approccio scelto è quello riconducibile all’ambito teorico che vede nella “cultura” e nel “clima” organizzativo, un forte fattore di determinazione del funzionamento organizzativo. (cfr. abstract)

L'archeologia italiana a Priniàs

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Scavi Archeologici - Creta; Congressi; 2006; Dati editoriali: Catania: Consiglio Nazionale delle Ricerche I.B.A.M. : Università di Catania, Centro di Archeologia cretese, 2011

Descrizione

Greco, Emanuele, L'archeologia italiana a Priniàs, In "Identità culturale, etnicità, processi di trasformazione a Creta fra Dark Age e Arcaismo: per i cento anni dello scavo di Priniàs,1906-2006: Convegno di Studi (Atene 9-12 novembre 2006)", Catania, Università di Catania, Centro di Archeologia cretese, 2011, pp. 9-10. 

La recente ricorrenza del centenario degli scavi di Priniàs nell’isola di Creta ha offerto lo spunto all'autore per un bilancio delle nostre conoscenze sull’impianto urbano di uno dei più spettacolari e meglio indagati siti di epoca geometrica che si conoscano in Grecia. 

L'emancipazione repressiva. L'omosessualità maschile nell'Italia liberale: legislazione, riflessione giuridica e giurisprudenza (1860-1900).

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Omosessuali - Italia - Diritti - Legislazione;

Descrizione

Scurti, Alessandro, L'emancipazione repressiva. L'omosessualità maschile nell'Italia liberale: legislazione, riflessione giuridica e giurisprudenza (1860-1900), tesi di dottorato, 2008

Il presente lavoro è dedicato proprio ad alcuni aspetti della storia giuridica dell’omosessualità maschile in Italia tra Otto e Novecento. Esso si sviluppa intorno agli intrecci tra legislazione, dottrina giuridica e pratiche giudiziarie in relazione ai comportamenti omosessuali. Da questo ambito di ricerca – incentrato sui rapporti tra legge, diritto e giustizia – è stato possibile far emergere l’opera di alcune importanti istituzioni che si sono interessate all’omosessualità maschile nei primi cinquant’anni di vita del Regno d’Italia, come anche quello di coloro che hanno contribuito a costituire l’omosessualità come oggetto di conoscenza giuridica. (cfr. Introduzione)

L'eredità di Leonardo Sciascia

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Letteratura Italiana; Sciascia, Leonardo; Dati editoriali: Napoli, Istituto Universitario Orientale, 2012

Descrizione

L'eredità di Leonardo Sciascia : atti dell'incontro di studi, Napoli 6-7 maggio 2012, Palazzo Du Mesnil, a cura di Caterina De Caprio e Carlo Vecce, Napoli, Istituto Universitario Orientale, 2012.

Quando, alla fine del 2009, Caterina De Caprio mi propose l'idea di organizzare un incontro di studi su Leonardo Sciascia, la via più facile poteva essere quella della celebrazione dello scrittore, scomparso vent'anni prima. E invece ci sembrò più opportuno affrontare in maniera problematica alcuni aspetti della ricezione della sua opera, dal punto di vista dei suoi lettori, di quella comunità a cui sentiamo di appartenere e che intrattiene con Sciascia un dialogo ininterrotto. All'incontro di Napoli (svoltosi all'Orientale il 6-7 maggio 2010) hanno partecipato 'lettori' che sono stati anche suoi amici, o che, come noi, l'hanno conosciuto dalle pagine dei suoi libri”. (Cfr. p. 7). 

L'esperienza della Grande Guerra nell'autobiografia femminile in Gran Bretagna

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Donne - Autobiografie - Gran Bretagna - Sec. XX; Brittain, Vera - Autobiografie; Storm Jameson, Margaret - Autobiografie; Guerra mondiale 1914-1918 - Inghilterra; Letteratura inglese;

Descrizione

Barbara Porzio, L'esperienza della Grande Guerra nell'autobiografia femminile in Gran Bretagna, Tesi di dottorato

"Questo lavoro è incentrato sull’analisi delle autobiografie femminili della prima guerra mondiale pubblicate in Gran Bretagna negli anni Trenta del secolo scorso. Nell’introduzione, dopo una breve riflessione di carattere teorico e metodologico sul genere autobiografico ed alcune considerazioni sul contesto storico-culturale in cui nacquero tali opere, viene rintracciata una griglia di argomentazioni retoriche ricorrenti che se da un lato non consentono di ipotizzare l’esistenza di un sottogenere, dall’altro caratterizzano marcatamente le autobiografie prese in esame. Il primo e il secondo capitolo propongono, rispettivamente, una lettura ravvicinata di "Testament o f Youth" (1933) di Vera Brittain e "No Time Like the Present" (1933) di Margaret Storm Jameson, opere in cui la Grande Guerra agisce da vera e propria categoria ermeneutica nel processo di individuazione del sé; vengono inoltre analizzati i romanzi pubblicati dalle due scrittrici dal 1922 al 1936 in cui il tema della guerra viene esplorato in molte delle sue sfaccettature. In questo studio si è cercato quindi di individuare la specificità scritturale di "Testament of Youth" e di "No Time Like the Present" indagando le relazioni che sussistono tra le due autobiografie del ’33 e le altre opere appartenenti alla produzione della Brittain e della Jameson." (cfr. Abstract)

L'evoluzione del mercato europeo: la portualità e gli scambi

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Mercato; Scambi marittimi; Unione europea;

Descrizione

Mettivier, Gennaro, "L'evoluzione del mercato europeo:la portualità e gli scambi", tesi di dottorato, 2011

L’Unione Europea è nata dalla necessità di tutelare e favorire gli scambi e quindi il mercato. Al suo interno quelli marittimi, da sempre importanti, hanno recentemente conquistato il mercato per dimensioni e prospettive. Il porto costituisce allo stesso tempo una secolare tradizione ed un elemento fondamentale per l’economia europea. L’emergere di grandi realtà asiatiche quali Singapore, Shangai, Hong Kong ha tuttavia messo in evidenza i limiti, le carenze e le necessità della portualità europea, ulteriormente aggravata dall’enorme divario tra South e Northern Range.[...] Il progetto di ricerca ha analizzato i più importanti aspetti della portualità in Europa tentando non solo di fornire un quadro esauriente del sistema, ma soprattutto di tratteggiarne le prospettive, avanzando contemporaneamente proposte e regole tese ad affrontare questioni che il mondo contemporaneo e l’economia globalizzata prospettano in modo drammatico.(cfr. abstract)

L'impatto delle biotecnologie sulla soggettività femminile.

Tipologia: Open Archive Lingua: italiano Soggetto: Biotecnologie; Corpo femminile; Maternità; Riproduzione assistita; Studi di genere;

Descrizione

Marcozzi, Federica. L'impatto delle biotecnologie sulla soggettività femminile. Tesi di dottorato. 2008

"Il presente lavoro tenta di analizzare le modalità in cui le biotecnologie, e in particolare le tecniche di riproduzione assistita, intervengono sul corpo femminile al fine di produrre un rinnovato controllo. Questa analisi è rivolta alle tecniche di riproduzione assistita in quanto evidente spazio dove è in gioco il controllo sia del corpo femminile che di tutto il processo riproduttivo. A tal fine l'autrice si è  avvalsa dell posizioni del movimento femminista favorevoli e non a tali tecnologie riproduttive. La scelta di considerare tali posizioni nasce dal fatto che il movimento femminista, sta portando avanti una dettagliata analisi sull'intervento biotecnologico in ambito procreativo in relazione al corpo femminile. Analizzando le modalità con cui lo sviluppo tecnologico e biotecnologico interviene sul corpo femminile e sulla sfera riproduttiva si è  evidenziato la necessità e l'urgenza di ritornare a parlare e ridefinire la maternità nell'ottica della differenza sessuale. Si è evidenziato inoltre come il materno possa essere riconosciuto non più come luogo mancante, secondo la logica fallologocentrica, ma possa al contrario trasformarsi in un laboratorio politico dove potenziare e affermare le differenze e ritagliare spazi di condivisione e relazione." (cfr. abstract)