Raffaele Viviani

           

  • Biografia

  • Teatro

  • Cinema

  • Video

Biografia

Raffaele Viviani

La scheda biografica Raffaele Viviani  di Wikipedia contiene una lunga serie di notizie relative alla vita dell'artista. Le informazioni sono suddivise per tematiche temporali a partire dagli anni della sua infanzia: i primi successi teatrali, i suoi rapporti, il raggiungimento della sua maturità artistica, le sue opere, le tournèe, la biografia con tanto di riferimenti specifici alla sua produzione teatrale, poetica, musicale ed ai successivi tributi discografici incisi in suo onore. Di particolare interesse le categorie relative ad alcuni giudizi critici e l'elenco delle monografie e delle recensioni sull'artista. L'enciclopedia libera offre anche la copia di una locandina teatrale dove il cognome dell'artista risulta ancora nella sua formula originale “Viviano.” L’ Istituto Professionale Statale di Castellammare di Stabia, dedicato a Raffaele Viviani, grazie alle ricerche del prof. Michele Naclerio, dedica una pagina alla biografia dell'artista, dove viene pubblicata la copia originale del suo atto di nascita da cui si evince che il suo cognome originario era Viviano, cambiato successivamente in Viviani per esigenze artistiche. Mentre sul portale informativo "LiberoRicercatore" vengono riportate una serie di articoli sulla sua vita. Per quanto riguarda la cronologia delle opere teatrali si rimanda alla pagina curata dall'Università degli Studi di Salerno su Raffaele Viviani.

  

Cultura della legalità e Biblioteca digitale sulla camorra: nota bio-bibliografica di Raffaele Viviani

Cultura della legalità e biblioteca digitale sulla camorra, a cura del Dipartimento di studi umanistici dell'Università Federico II di Napoli, propone una nota bio-biografica di Raffaele Viviani correlata ad un elenco di testi utili per la ricostruzione di una biografia essenziale sull'autore, a cura di Salvatore Iermano. Inoltre il sito, nella pagina dedicata alla biblioteca digitale, mette a disposizione 2 opere teatrali dell'autore in versione integrale in formato pdf: 'O guappo 'e cartone e Putiferio

E ce ne stanno fatiche, a cura di Nunzia Acanfora

La pagina web dell'Università di Salerno, offre un settore dedicato agli autori napoletani e comprende un archivio, o meglio una pagina dedicata, ben strutturata, sulla vita di Raffaele Viviani, mirata ai rapporti interpersonali del maestro con alcuni personaggi importanti del suo tempo e così oltre a mettere in evidenza la relazione amicale tra Viviani e Petrolini, attore, drammaturgo e macchiettista, sottolinea anche la sua collaborazione artistica con l'amico Luigi Pirandello. Inoltre, cosa molto interessante, propone, a partire da un'ottima bibliografia critica, una serie di riferimenti bibliografici come le recensioni di Enrico Fiore, l'articolo sul testamento artistico del Maestro, il riconoscimento di Dario Fò,  oppure le recensioni di Renato Simoni, nonché l'intervista a Mario Martone per la sua operazione televisiva sull'opera inedita del maestro "I dieci Comandamenti

Ricordi

Interviù è un sito telematico di costume e società che indaga e registra i molteplici aspetti della città di Napoli, nello specifico si possono visualizzare le due interviste rilasciate dalle figlie di Raffaele Viviani, Yvonne e Luciana, in cui, le stesse, raccontano numerosi aneddoti sulla vita del padre.  


Napoli eterna musa : mostra della canzone napoletana del 1937: ricordi e riflessioni di un poeta

Il libro digitalizzato e messo in rete grazie al progetto google book: "Napoli eterna musa" di Salvatore Cerrino, Guida editori, riporta numerose parti integre di paragrafi dedicati al rapporto tra Raffaele Viviani e sua sorella Luisella, compagna di palcoscenico per quasi tutta la vita. 


Raffaele Viviani, il funerale

La testata giornalistica Teatro e Critica, riporta un'articolo corredato di video sul funerale del maestro, a cura dell'archivio storico Luce.


TEATRO

Lo scugnizzo Raffaele Viviani: gli esordi

Sul giornale d'informazione online: Napoliflasch24, l'autore Carlo Fedele propone, nella sezione sulla storia di Napoli, "Dalla vita alle scene," trattasi di una dettagliata biografia del maestro, suddivisa per parti: gli esordi, Viviani e il cinema, Viviani ed il teatro realistico, Viviani e pulcinella, Viviani racconta Napoli e la sua gente, l'autobiografia

Raffaele Viviani e il teatro

L'università degli studi di Salerno propone delle dettagliate analisi sul rapporto tra il maestro e la sua arte teatrale analizzando i temi, gli ambienti, i personaggi, la stuttura dei testi e la relazione cin la musica. 

Glossario delle opere teatrali di Raffaele Viviani. Tesi di dottorato dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, Filologia moderna. (FedOA. Open Archive.)

FedOA Open Archive è l'archivio istituzionale dei documenti digitali dell'Università degli Studi di Napoli Federico II che promuove la libera diffusione in rete della produzione scientifica dei docenti e dei ricercatori dell'Ateneo. Partendo dal presupposto che Viviani è un autore che tenta di rappresentare realisticamente la società del suo tempo, con personaggi ed ambientazioni legate a determinati ambienti socio-culturali, la tesi qui riportata in formato PDF, full text, pone la centralità della ricerca sull'obiettivo di presentare un quadro, quanto più completo possibile, del lessico delle opere teatrali di Viviani. 

La Strampa: Archivio storico

Il giornale La Stampa mette a disposizione degli internauti un proprio archivio online, e consente la ricerca delle pubblicazioni cartacee digitalizzate utilizzando un campo in cui occorre mettere il nome completo del soggetto cercato. Ponendo nella stringa di ricerca apposita il cognome e nome dell'artista il sito offre la possibilità di visualizzare una serie di articoli, trafiletti ed inserzioni teatrali pubblicitarie. 


CULTURA DELLA LEGALITÀ E BIBLIOTECA DIGITALE SULLA CAMORRA

A seguìto di una feconda stagione di convegni a cura dell'Università degli studi di Napoli Federico II, dipartimento di studi umanistici, è possibile scaricare, in formato pdf, articoli, testi critici e testi relativi all'autore dal sito correlato "Cultura della legalità e biblioteca digitale sulla camorra" 

Internet Culturale: registrazioni sonore musicali

Il portale Internet Culturale, curato e diretto dall’Istituto centrale per il catalogo unico consente anche l'ascolto parziale di file audio musicali di canzoni scritte dall'artista Raffaele Viviani, ed inoltre, essendo un portale a più ampio raggio, tra le altre possibilità consente anche la visualizzazione di alcuni articoli estratti da quotidiani dell'epoca, sempre a partire dalla digitazione del nome dell'artista nel relativo campo di ricerca.


Biblioteca Nazionale di Napoli: 'A festa 'e Muntuvergene / Raffaele Viviani

La Biblioteca Nazionale, sempre nell'ambito del progetto ATN. Archivi di teatro, offre l'opera del maestro Viviani in formato digitale scaricabile per uso personale. La particolarità del documento prescelto risiede nella tipologia del materiale cartaceo digitalizzato essendo la copia usata dallo stesso maestro in un allestimento teatrale dell'opera, riportante annotazioni originali, nonché l'autografo dello stesso Viviani.

Passaggi artistici della vita di Viviani

a cura della Biblioteca Nazionale in occasione della Mostra sull'artista. Sul sito Interviù, si può leggere un'interessante sunto sui passaggi artistici del maestro.

Fondazione Istituto Luce

L'istituto Luce che opera a supporto dello sviluppo e della promozione del cinema italiano in Italia e all’estero propone una serie di documenti fotografici e sonori sull'artista. Risulta necessario inserire il cognome e nome dell'artista nel campo di ricerca e per allargare lo spettro della ricerca si può inserire anche il nome della sorella del maestro: Luisella Viviani

Quell'inedito di Viviani: Flavio Pagano scopre un tesoro 

Flavio Pagano, direttore di NapoliStyle, sulle pagine del Corriere del Mezzogiorno, racconta che nell'estate del 1940, Viviani si ferma nel ristorante di Ferraioli che apprezzò al punto di volere rivolgere a quell'oste così garbato un ringraziamento speciale. Sul registro degli ospiti scrisse una poesia per rendere unico quel suo passaggio da quelle parti.  

Google book: Canti di scena

Viviani è fra le figure più prolifiche nella musica dello spettacolo italiano del primo novecento. Il progetto di Google Book mette a disposizione la consultazione online di parti del testo: Canti di Scena a cura di Pasquale Scialò. 

Viviani il poeta

Dall'archivio online del giornale La Repubblica è possibile visualizzare un articolo di Apolonia Striano, docente di letteratura italiana all'Università di Salerno, sul libro “Poesie. Opera completa” di Raffaele Viviani. E' noto infatti che l'artista si dedicò anche a comporre poesie, e sull'articolo in questione viene analizzato il profondo rapporto che il drammaturgo, macchiettista, autore delle sue opere teatrali, stabilì con l'arte della poesia. A tal proposito, sempre grazie alla digitalizzazione, google book propone un'altro testo interessante, il testo reso disponibile agli internauti, consente, per l'appunto, di visualizzarne una versione parziale: Raffaele Viviani: Poesie, opera completa, a cura di Antoni Lezza.  

Raffaele Viviani ed i suoi primi attori

La CamCampania è una testata giornalistica online e nel settore delle proposte letterarie pubblica la dichiarazione rilasciata da Adolfo Narciso, unico attore che ha rilasciato una testimonianza scritta della sua esperienza con Raffaele Viviani


Raffaele Viviani e le sue canzoni

Google ricerca permette la selezione e l'ascolto tramite il portale di youtube, di molti testi scritti e cantati dall'artista., selezione che pone l'attenzione su un aspetto, relativamente conosciuto se non addirittura considerato di second’ordine, di quella che fu la sua ricca e prolifica produzione canora


CINEMA

Viviani e il cinema

L'Università di Salerno mette a disposizione degli internauti la filmografia del maestro che non fu molto florida, nonostante Raffaele Viviani ebbe un grande interesse per il cinema. Utile la nota bibliografica per gli studiosi della vita e delle opere del maestro. 


La tavola dei poveri 

Il suo capolavoro nel cinema è del 1932, film diretto da Alessandro Blasetti. Su Google book troviamo, un' interessante scheda del film "La tavola dei Poveri" tratta dal libro perzialmente digitalizzato “Dizionario del Cinema Italiano: i film” Vol. I, a cura di Roberto Chiti ed Enrico Lancia, qui viene proposta una scheda dettagliata di tutto il cast che partecipò alla produzione e messa in opera del film del 1932 , soggetto Raffaele Viviani per la regia di Gennaro Righelli; mentre sul volume: I film di Alessandro Blasetti  di Luca Verdone troviamo brevi recensioni e critiche redazionali sempre sullo stesso film in questione, tratto dall'atto unico omonimo del 1931.

Torna Viviani ma senza voce

L' l'unico film del periodo muto fu “Un amore selvaggio” prodotto dalla Cines nel 1912.  Il sito dell'Università degli studi di Salerno riporta un'articolo sul cinema muto, di Nunzi Acanfora. La pellicola è stata ritovata postuma e restaurata in una versione olandese dal Nederland Filmmuseum.

I dieci comandamenti

RAI 2 Palcoscenico, Teatro di Roma, Comune di Napoli offre uno stralcio dell'opera I dieci comandamenti nella versione televisiva di Mario Martone considerando che questa fu l'opera ultima scritta dal maestro che non vide la sua realizzazione teatrale per la malattia devastante che colpì l'artista a soli 54 anni.  

    

VIDEO

'O vico.

RAI3 dispone di un proprio archivio e pone, a disposizione degli internauti, alcuni filmati che girano sempre sulla piattaforma di youtube, in questo caso si può vedere un filmato in cui lo stesso artista interpreta una sua poesia 

 Voci canti e grida dalla Napoli di Viviani.

Puntata radiofonica dal titolo "Il teatro di Radio 3" del 15/12/2011. In questa puntata sono state estratte dagli nostri archivi RAI frammenti delle commedie del maesto, versi delle sue poesie, musiche e parole delle sue canzoni, a partire dal suo primo lavoro teatrale “’O vico” del 1917, lavoro in cui Viviani già dimostra la sua capacità di comporre una dimensione corale del racconto, la sua abilità nell’ osservare la gente umile delle strade della sua città, senza mai avere uno sguardo di curiosità antropologica, tantomeno di osservazione caricaturale

Tre atti unici di  Raffaele Viviani 

Puntata numero 14, ultima dell'anno 2014, dedicata all'ascolto d'eccezione, direttamente dagli archivi teatrali Rai. I tre atti unici sono stati scritti nel decennio 1917-1927: registrati presso la sede Rai di Napoli nel 1973,  con la regia di Gennaro Magliulo. Tra gli interpreti della migliore tradizione teatrale napoletana ricordiamo: Enzo Cannavale, Rosalia Maggio, Piero Sammataro, Giulio Adinolfi ('O Vico); Achille Millo, Marina Pagano, Piero Sammataro, Lino Troisi (Il masto dellArsenale); Beniamino  Maggio, Nello Ascoli, Achille Millo, Gennaro Palumbo, Linda Scalera (Vetturini a nolo.) Il preludio di 'O Vico è in diretta ascolto ad opera del maestro Roberto de Simone. 

Magnetismo  

Il CD Magnetismo è stato pubblicato per la Phonotype records, edizione rara. L'interfaccia di youtube mette a disposizione alcune registrazioni inedite recitate e cantate dall'artista, o eseguite da validi artisti che hanno dedicato le proprie performance al ricordo delle opere del maesto: si possono ascoltare Borgo S. Antonio,  E' morta muglierema (duetto comico con la sorella Luisellla,) 'A festa e piedigrotta, 'O vicariello  'O ciarlatano (duetto con Luisella,) e Emigrante.


Canto a Viviani 

Ancora su youtube si può vedere un estratto del progetto nato in seguito allo spettacolo "Canto a Viviani" di Enrico Fiore, che debuttò a cura di Nunzio Gallo e con l'organizzazione di Leonardo Ippolito, il 15 ottobre al Teatro Montil di Castellammare di Stabia. Il concerto-spettacolo schierava in scena, quali interpreti dei venticinque brani in scaletta, Franco Acampora, Concetta Barra, Peppe Barra, Antonio Casagrande, Maurizio Casagrande, Gianfranco Gallo, Massimiliano Gallo, Rosalia Maggio, Angela Pagano, Mario Scarpetta, con l'orchestra diretta dal M° Tonino Esposito, autore delle musiche originali e degli arrangiamenti. Dopo Castellammare di Stabia, Canto a Viviani venne replicato a Napoli due sole volte, una al Teatro Cilea e una al Teatro Bellini, in occasione della presentazione del doppio album registrato e inciso dalla Phonotype Record.

La morte di Carnevale

commedia di R. Viviani con Nino Taranto e Luisa Conteè interessante perchè rappresenta forse l'opera teatrale più conosciuta del maestro dove emergono le caratteristiche peculiari del popolo napoletano cui l'artista fu sempre attento, quei sentimenti per cui ogni giorno ci si sottopone ad una nuova battaglia,  qugli espedienti e sotterfugi cui si ricorre per sbarcare il lunario. Nel personaggio principale Pasquale Capuozzi, usuraio che presta soldi a interessi elevatissimi, c'e' tutta la tragicità della città.

Poesie di Raffaele Viviani

Qui si accede alla playlist su youtube dedicata alle poesie di Raffaele Viviani interpretate da Giovanni Caputo come: 'O scupatore, Mast'Errico, 'Ngiulina, Gnastillo, Lavannare, il Testamento... e tante altre.

  









 

del regista Gennaro Righelli