Nati per leggere

Nati per leggere Campania, logo
Responsabile:
Iole Massarese
Email:
bn-na.natiperleggere@beniculturali.it

Orari di apertura

Il  Punto Lettura Nati per Leggere della Biblioteca Nazionale,  pubblico e gratuito,  accoglie piccoli e grandi “a libro aperto e cuore spalancato” tutti i mercoledì (ore 10,30-12,30 / 16,30-18,30) e ogni secondo sabato del mese (ore 10,30-12,30).


La Biblioteca Nazionale fa suo il Programma Nati per Leggere  e dedica uno spazio, all’interno del Cortile delle Carrozze,  al nuovo Punto Lettura di Napoli.  Il programma è promosso dall’alleanza tra Associazione Culturale Pediatri (ACP), Associazione Italiana Biblioteche (AIB) e Centro per la Salute del Bambino onlus (CSB).
Prima esperienza in Italia,  il Punto Lettura Nati per Leggere è un Programma di comunità che intende raggiungere il maggior numero possibile di bambine e bambini, da zero a sei anni,  per tutelare il loro diritto alle storie e  garantire l’accesso a libri di qualità in spazi di lettura attrezzati ed accoglienti. Nati per Leggere punta a coinvolgere tutte le famiglie, soprattutto quelle più difficilmente raggiungibili e vulnerabili, per offrire opportunità di sviluppo cognitivo, emotivo, relazionale e sociale fin dai primi mesi di vita e, nello stesso tempo, sostegno alle naturali competenze dei  genitori.
Nati per Leggere è per dimensioni il terzo programma su scala internazionale dopo quello americano, Reach out and Read, e quello inglese, Bookstart, e coinvolge 10.000 operatori dei settori sanitario, culturale e socio-educativo, oltre ai numerosi volontari.  In Italia, si stima che almeno un bambino su quattro sia stato raggiunto dalle iniziative di Nati per Leggere attraverso più di 600 progetti locali diffusi in tutto il paese.
A Napoli, la Biblioteca Nazionale, unico esempio in Italia,  non solo ospita il nuovo  Punto Lettura  nei locali, strategici dal punto di vista della fruizione perché facilmente accessibili, che affacciano nel monumentale Cortile delle Carrozze, ma si prodiga con il suo personale per rendere il più possibile efficace e gradevole il servizio, innanzi tutto per i bambini ma anche per le famiglie. In un territorio come quello campano sottoposto a una forte pressione sociale, con tassi di povertà educativa elevatissimi, la lotta alle diseguaglianze e l’affermazione dei diritti dei bambini e delle famiglie è priorità assoluta:  un tale punto di lettura aperto all’interno della Biblioteca Nazionale rappresenta certamente un efficace dispositivo sociale di  grande valore essendo “il modo più concreto e reale che ha un bibliotecario di contribuire alla crescita della comunità”, come afferma il Direttore Francesco Mercurio.
Ogni incontro  di lettura è preceduto da un rituale significativo e suggestivo.  I bambini presenti reggono un nastro colorato  da cui pendono campanelle provenienti da ogni angolo del mondo e lo scrollano, per poi recitare insieme:

 “Leggimi subito, leggimi forte,
dimmi ogni nome che apre le porte!
Chiama ogni cosa, così il mondo viene!
Leggimi tutto, leggimi bene,
dimmi la rosa, dammi la rima,
leggimi in prosa, leggimi prima!”
(Bruno Tognolini)


Nati per leggere 


Nati per leggereNati per leggere
Nati per leggereNati per leggere